Turismo rigenerativo

Il Progetto Integrato di Turismo Rigenerativo nelle Gole del fiume Calore è stato finanziato dal POR 2000/ 2006 mis.1.9 del PIT Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano per l’importo di €. 1.690.000,00. 
Il beneficiario finale è stata la Comunità Montana Calore Salernitano, i lavori infrastrutturali hanno riguardato i territori dei Comuni di Magliano Vetere, Felitto, Stio Cilento e Campora.
Trattasi di un sistema integrato di fruizione e ricettività per valorizzare le potenzialità del fiume Calore; l’implementazione di un modello di sviluppo sostenibile di turismo rigenerativo nelle Gole del fiume; la ricerca del benessere psico-fisico e spirituale stabilendo un contatto diretto con la natura, capace di ridurre le patologie da stress originate dalle dinamiche della civiltà. 
Questi sono gli scenari che hanno ispirato gli interventi realizzati nell’area circostante l’asta fluviale del Calore: nel Comune di Felitto (Riqualificazione dell’Area di Remolino e creazione di 4 Sentieri rigenerativi).

Nel Comune di Magliano Vetere (Realizzazione del Centro Accoglienza a Capizzo, Sentieri dal Centro storico di Magliano Nuovo, Galleria Rigenerativa da Preta Perciata fino all’ Area Postiglione di Magliano Nuovo). Sempre  lungo il fiume e torrenti nei territori comunali di Stio e Campora dove sono stati migliorati e recuperati alcuni sentieri: il mulino ad acqua Terraneo ed installati sia dei punti sosta che individuati riferimenti didattici e ricreativi.

Nell’ arco temporale, fra progettazione e realizzazione (1999-2009) vengono anche creati degli strumenti idonei per l’implementazione e la gestione di tale progetto integrato: nel settembre 2001 l’Agenzia di Ricerca, Formazione e Certificazione Ente FORMPROGET (Associazione senza scopo di lucro) e successivamente nel 2004 per avviare la rete d’imprese, una società consortile, denominata Ente per lo Sviluppo Sostenibile "I Piccoli Campi Srl".