Paestum a traino delle Aree Interne con la filiera integrata della melagrana

L’associazione Il Melograno di Paestum anche quest’anno ha organizzato un fine settimana dedicato al melograno: sabato 27 e domenica 28 ottobre 2018 . 

Nell’ambito della mattinata conclusiva della domenica (presso la sala Erica di Piazza Santini)  il convegno, presieduto da Gerardo Siano, presidente dell’Associazione, e moderato dalla giornalista Paola Desiderio, è  stato aperto con il saluto del Sindaco di Capaccio  Francesco Palumbo, seguito in rappresentanza dei Sindaci delle Aree Interne anche da Giuseppe Scorza ,Sindaco di Castel San Lorenzo. 

Per conto della Regione Campania sono stati presenti Filippo Diasco, in qualità di Direttore Generale dell’Agricoltura e l’Avv. Francesco Alfieri . 

A parlare del melograno e delle tecniche utilizzate per la coltivazione  ha relazionato Rosa Pepe, Agronoma del CREA, mentre su come porre le basi per la creazione della filiera integrata della melagrana, Anna Pina Arcaro, Presidente dei Distretti Integrati Rurali ed in Rete. 

Presenti come testimonianza della produzione del melograno: Pasquale Cammarano e Matteo Conte.

La proposta presentata all’incontro, affinchè anche il Melograno di Paestum possa far parte dei prodotti de “ La Cesta della Biodiversità”, è quello di  formare operatori e tecnici del Melograno di Paestum  determinanti per la creazione della filiera integrata. 

Tale formazione prevederà  moduli didattici e laboratoriali che ben  inseriscono tutte le tematiche trattate in questi due giorni : storia, cultura, arte, coltura, biodiversità e salute, il tutto al fine di restituire una  agri- cultura incentrata sulla “prevenzione della salute dell’uomo” verso il turismo “rigenerativo”, che ne rappresenta  la strategia di sviluppo sostenibile  per una nuova forma d'economia delle Aree Interne e Protette.

Le conclusioni del convegno sono state affidate dal Consigliere Regionale Michele Cammarano